9
Nov

CASA NETURAL. Il coworking rurale che genera sviluppo locale

L’intervista che abbiamo realizzato il 24 Ottobre a Matera, rappresenta per noi di MEET Project una tappa importante.

Abbiamo deciso di andare a conoscere la realtà di Casa Netural per imparare e raccontare la piccola, grande rivoluzione che è in atto in giro per il mondo.

Perché quella del coworking è DAVVERO una rivoluzione. E lo diventa ancora di più se vengono sfruttate a pieno tutte le potenzialità contingenti che uno spazio del genere può stimolare.

Sappiamo tutti che il modo di lavorare sta cambiando, è già cambiato. La possibilità di rimodulare la propria vita e di condividere l’esperienza del lavoro con altre persone, può diventare qualcosa che, oltre a rappresentare una fonte di sostentamento, è anche fonte di amicizia, di relazioni e di realizzazioni. Sempre con quella particella fondamentale: “co”. Co-operare, co-working, co-living, co-design. Tutto parte dal principio che insieme, collaborando, si può realizzare qualcosa di significativo per sé, ma non soltanto. Casa Netural in questo è maestra. È un nuovo modo di intendere e vivere il coworking, ma non solo. È un nuovo modo di vivere in comune, di valorizzare competenze e di mostrarle al mondo.

Casa Netural vive in un quartiere popolare, all’interno di una casa popolare e agisce da catalizzatore delle relazioni all’interno del quartiere e della città in cui si trova. È un’associazione, ma non di volontariato, stimola piccole economie locali, processa informazioni e condivide la sua esperienza e le sue competenze con quelle di chiunque cerchi un posto per esprimere qualcosa di positivo. Casa Netural rappresenta il primo coworking rurale, proprio per questo acquista un valore ulteriore, che in città metropolitane come Roma e Milano non si riuscirebbe a generare, perché gli spazi e le modalità di fruizione sono diversi, la concezione degli spazi è diversa o anche semplicemente perché nessun altro coworking ha nel suo nome la parola Casa.

Dall’intervista ad Andrea vi renderete conto di come la sua esperienza sia frutto di un percorso lungo e ragionato, ma anche sentito con la testa, le mani e il cuore. Perché alla fine uno solo di questi elementi non basta. Anche le parti del corpo devono cooperare.

Buona visione!

On 24th October we went to Matera to learn more about the project of Casa Netural, and to tell about the big revolution of co-working, that is taking place all over the world. The way we work has changed , today the job experience can be shared with other people, it can be seen as livelihood but even as a source of relationships and fulfilments. Today we talk about co-working, co-living and co-design, and all this is based on the principle that cooperating means to create something good, for ourselves and for others. Casa Netural is situated in a district of council houses, and it furthers relationships within the neighborhood; it is an association that spurs the small local economies, and that relates its skills and experiences with those of others who have something positive to express. It represents the first rural co-working that generates local growth. You will see in the interview we made to Andrea how his project is the result of a reasoned but heartfelt process, made with hands, head and heart. Enjoy the video!

 

Nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo non sarà pubblicato. I campi richiesti sono contrassegnati*

MEET ME

MEET Project Società Cooperativa Sociale a r.l.

Sede legale: Piazza Montenero II trav. n.2 – 88100 Catanzaro (CZ)

P.IVA/C.F.: 03537920799

Per info:

email: amministrazione@meetproject.org

PEC: meetprojectsociale@pec.it

  T. +39 328 7339483